Stoviglie e stoviglie antiche

Gennaio Coppa di Rio

15,00

Ciotola Creil e Montereau

Esaurito

Ciotola Creil e Montereau timbrata Rio de Janvier

Diametro 19 cm

Larghezza da manico a manico 22 cm

 

Alcune informazioni sulla Faïencerie de Creil et Montereau tratte da un articolo della gazzetta Drouot

La storia della fabbrica Creil et Montereau si intreccia con quella di due rivali che scelsero di unirsi il 1 aprile 1840, attraverso il direttore di Creil, Saint-Cricq-Casaux, fedele a una politica di aggregazione sin dal 1819. Dopo anni di rivalità, in particolare durante le fiere dei prodotti industriali dove i due stabilimenti sono in competizione, Creil e Montereau formano oggi un'unica azienda dove nessun segreto manifatturiero non ha più motivo di esistere.
Il primogenito, Montereau, fu fondato nel 1745: François Mazois, associato a Jacques Capelle, fondò questa fabbrica con l'obiettivo di competere con la famosa terracotta inglese nota come Queens'ware. Nel 1775 assunse il titolo di "fabbrica della regina", appellativo che diede il nome alla famosa decorazione pittorica "erborizzata" detta "lutto per la regina", tra il 1803 e il 1804. La più giovane, Creil, fu creata nel 1774 grazie all'inglese Stone e Coquerel. Sotto la direzione di Saint-Cricq-Casaux, è salita al centro della scena con, tra i suoi seguaci, la duchessa di Angoulême in persona. Nel 1819 ottenne una medaglia d'argento e, pochi anni dopo, vinse l'oro. Nel 1840 i due rivali si unirono nel bene e nel male... il migliore fino al 1895. Sotto il nome di Lebeuf, Milliet et Cie, la fabbrica vinse numerosi premi, una medaglia d'oro nel 1864 e nel 1867 e nientemeno che una citazione in L'educazione sentimentale di Flaubert. Il peggio arriva con l'abolizione di Creil e il trasferimento di tutte le attività a Montereau, la denominazione Creil et Montereau verrà mantenuta. L'anno 1895 segna anche l'inizio del declino con una produzione poco rinnovata.

Peso 1 kg
Dimensioni 25×25×10 cm
Categorie: , Etichetta : ,
In aggiornamento…
  • Nessun prodotto nel carrello.